3 Minuti con l’Avvocato: Pandemia e Locazioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on print
In questa puntata di "3 Minuti con l'Avvocato" (serie di video ideata da FIAIP e dallo Studio Legale Foschini Pagani) ci viene spiegato se, e come, è possibile dare disdetta o farsi abbassare l'affitto a causa della pandemia.
contratto-affitto-e-pandemia

” 3 Minuti con l’Avvocato ” è una serie di video ideati (da FIAP e dallo Studio Legale Foschini Pagani di Bologna) per educarci su diverse tematiche legali riguardanti il mondo immobiliare, per questo motivo abbiamo deciso di condividerli con voi.
Nella puntata di oggi ci vengono spiegati gli effetti dell’attuale pandemia sui contratti di affitto abitativi.

3 Minuti con l’Avvocato ” è una serie creata da FIAIP e dallo Studio Legale Foschini Pagani.
Clicca qui per vedere la lista completa di video presenti in questa serie.

Nello specifico l’Avvocato ci parla della possibilità di rinegoziare il canone di affitto e di dare disdetta del contratto di locazione per motivi legati alla pandemia. Se sei un inquilino, o il proprietario di una casa affittata, questo video ti spiegherà se è possibile abbassare il canone di affitto o dare disdetta al contratto di locazione per problemi legati alla pandemia.

Rinegoziare il canone di affitto

Iniziamo con la possibilità di rinegoziare il canone di affitto: nell’affitto di abitazioni è possibile rinegoziare il canone di locazione solo su base volontaria. Questo significa che non è previsto un diritto vero e proprio dell’affittuario a farsi abbassare il canone di affitto. Nemmeno per problemi economici legati alla pandemia da Covid.
Questo significa che l’unico modo possibile per rinegoziare il canone di affitto è trovare un accordo con il proprietario di casa.

Inoltre secondo la legge, se l’inquilino viene colpito da una crisi economica, questa non giustifica lo stop al pagamento del canone di affitto. Bisogna però ricordare che c’è attualmente il blocco dell’esecuzione degli sfratti per morosità fino al 31 Dicembre del 2020.

Disdetta al contratto di affitto

Ad oggi la pandemia non è un motivo riconosciuto dalla legge per dare disdetta al contratto di locazione e quindi per recedere dal contratto di affitto.

Nei contratti di locazione l’inquilino può in ogni momento dare disdetta al contratto di affitto per gravi motivi. Per fare ciò deve inviare al proprietario di casa una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno e dando un preavviso di sei mesi. Il proprietario di casa può invece recedere dal contratto di locazione soltanto alla scadenza. 

Al momento non esiste, per legge, una modalità di recesso dal contratto di affitto diversa da quella standard.

Se vuoi saperne di più riguardo la disdetta ai contratti di affitto ti consigliamo di leggere questo articolo.

Infine viene trattata la questione dell’isolamento: ovvero l’inquilino che a finita locazione è obbligato a rimanere all’interno dell’abitazione a causa di un ordine delle autorità, o per altro motivo che non dipendente dalla sua volontà. In questo caso il ritardo, non essendo dovuto dalla volontà dell’inquilino, non può essere causa di un risarcimento danni.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO SU:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on print

Unisciti alla conversazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: